Highslide for Wordpress Plugin
Home / Vangelo del giorno / 2018-10-09 – Commento di Martedì

2018-10-09 – Commento di Martedì

Maria ha scelto la parte migliore… ||| Un altro insegnamento di Gesù che sposta completamente la nostra attenzione a un'altra categoria fondamentale dell'essere cristiani. E' il Vangelo delle due sorelle, Marta e Maria, che accolsero Gesù nella loro casa. Maria, sedutasi ai piedi di Gesù, ascoltava la sua parola. Marta invece era tutta presa nel preparare il necessario agli ospiti. Ecco allora la sua spontanea protesta, e comando che Gesù le dia una mano per convincere sua sorella. Ed egli le risponde in modo forte e comprensivo. “Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti affanni per molte cose, ma Maria si è scelto la parte migliore”. Non è che l'occupazione di Marta sia disdegnata da Gesù, tanto meno condannata. C'è una gerarchia di valori. Se infatti cominciamo col disperderci, come fa Marta, anche per cose necessarie, difficilmente troveremo un equilibrio di vita. Non si può avere occhi cristiani, se questi non si sono immersi nella luce di Dio, “nella tua luce vediamo la luce”. Non si può avere un cuore cristiano se questo cuore non ha imparato a vibrare alla parola di Dio nel silenzio della contemplazione e della preghiera. La parola di Gesù è la prima opera di misericordia del Padre verso tutti i suoi figli. Per questo i discepoli dicono: “Non è giusto che noi trascuriamo la parola di Dio per il servizio delle mense, e ancora: “Non di solo pane vive l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”. Come conclusione è bello quello che fa dire Agostino a Gesù per Marta “Tu stai navigando, essa è già in porto”.

Vai alla fonte

Rosari su Holyart.it

Ti potrebbe interessare anche:

Info autore: Raffaele De Fulvio

Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Ti potrebbe interessare:

2018-12-12 – Commento di Mercoledì

Un carico leggero. ||| C'è un bell'invito oggi per tutti noi che stiamo, giorno dopo …