2018-07-27 – Commento di Venerdì

Il cuore dell’uomo. ||| Nel nostro Ordine Benedettino Silvestrino si celebra oggi una festa dei uno dei suoi primi discepoli, sant’Ugo. E’ per questo che nelle letture troverete anche altri brani che sono appunto per la messa della festa. Qui, nel commento, per comodità dei nostri lettori rimaniamo nelle letture del giorno. Ed ecco sentiamo una delle parabole più belle, quella del seme. Ci potremmo domandare: che senso ha spiegare una parabola di per sé così chiara? Certamente si tratta di un’aggiunta di Matteo per cui il dare delucidazioni su un tale insegnamento era divenuto indispensabile, come lo è per noi capire quanto il testo vuole comunicarci. Punto centrale sembra essere, come in tutta la tradizione biblica, il cuore, sede delle decisioni, dei più profondi affetti ed emozioni, ma anche e soprattutto di ciò che noi oggi identifichiamo con l’intelligenza, con il pensiero, cioè con la mente. Il cuore in tale dinamica si presenta come il centro dell’attività dell’uomo, da cui scaturiscono bontà e cattiveria, comprensione e pregiudizio, umiltà ed orgoglio. Niente come questo organo, nel linguaggio biblico, influisce su tutto ciò che è attività e pensiero, creazione e distruzione. Ma nella Sacra Scrittura stessa è detto: “Un baratro è l’uomo e il suo cuore un abisso” (Sal 64), volendo intendere con ciò che, a causa della scissione che l’uomo porta in sé, il suo cuore non è unificato, non è indiviso, non persegue sempre uno scopo. Questo potrebbe essere anche il senso del brano evangelico: nessun uomo è mai totalmente terra fertile come non è mai totalmente “strada”. E tale sembra essere tanto il significato della parabola quanto la spiegazione, che andrebbero letti di continuo, in quanto facenti parti di un unico insegnamento sull’uomo. Quanto al Maligno, che ruba ciò che quotidianamente viene seminato, facciamoci il muro della grazia e la corazza del sacramento e non lasciamoci portare via nemmeno un solo semino di senapa, il più piccolo di tutti i semi del nostro giardino spirituale.

Vai alla fonte

Testi Sacri Holyart.it

Preghiere

Sostieni le nostre attività

La Parrocchia è tua, abbiamo bisogno di tante cose. Dobbiamo fare continue manutenzioni per preservare quello che già c'è. Un tuo piccolo contributo può essere molto importante per noi, aiutaci se puoi...Dio ti benedica!

Dal Vaticano

Raffaele De Fulvio
Informazioni su Raffaele De Fulvio 7164 Articoli
Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.