Blog

Vangelo del giorno : 2017-07-19 – Commento di mercoledi’

I piedi nudi e l’animo semplice. ||| I piedi nudi e l’animo semplice: due elementi che richiamano l’essenzialità del rapporto con Dio. Mosè è incuriosito dal roveto (seneh, in ebraico, evidentemente simile a Sinai) ardente, ma la manifestazione della divinità e dunque la “visibilità” lo portano a coprirsi il volto. Il passo successivo richiesto, perché possa stare nel luogo della teofania, è il togliersi i sandali. Il “luogo santo” dice, ritorno allo stato naturale, ad una condizione primigenia che l’uomo ha perso e che ritrova solo nel contatto con la divinità. Gesù dice che il penetrare nel mistero di Dio, l’incontro del “roveto ardente”, avviene in un animo semplice. Siamo portati a confondere il semplice con la semplicioneria, cioè con una sorta di stupidità che fa accettare tutto supinamente, che niente mette in discussione e che, conseguentemente, non può possedere il senso dello stupore che viene dalla ricerca di qualcosa di importante. E invece dimentichiamo come la categoria del semplice sia quella che più si avvicina a Dio, perché non è intaccata dalle sovrastrutture, le quali creano in noi degli schermi per cui è impedita la visione della realtà, quale essa è. Quanto più ci si avvicina a Dio tanto più le prospettive cambiano, la conoscenza delle persone e delle situazioni è meno mediata, e si inizia a penetrare (come in una nebbia) il grande mistero dell’uomo e dell’universo. È un cammino che porta verso la pacificazione del proprio essere, data dalla conoscenza di sé che è, in fin dei conti, conoscenza dell’Altro che abita in sé. Concludo con queste espressioni di Gregorio di Nissa che, mi pare, ben sintetizzano quanto sopra detto: “Se dunque laverai le brutture che hanno coperto il tuo cuore, risplenderà in te la divina bellezza. Come il ferro liberato dalla ruggine splende al sole, così anche l’uomo interiore, quando avrà rimosso da sé la ruggine del male, ricupererà la somiglianza con la forma originale e primitiva e sarà buono. Quindi, chi vede se stesso, contempla ciò che desidera in se stesso”. […]

Blog

Vangelo del giorno : 2017-07-19 – Vangelo di mercoledi’

Es 3, 1-6. 9-12; Sal.102; Mt 11, 25-27. ||| In quel tempo, Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo». […]

Blog

I Giochi dell’armonia: 2017-07-18 10:01:00

Radio Vaticana – Giochi dell’armonia prende spunto dalle parole pronunciate da Papa Francesco in occasione della Pentecoste, nel maggio del 2013: ‘…nella Chiesa l’armonia la fa lo Spirito Santo. Uno dei Padri della Chiesa ha un’espressione che mi piace tanto: lo Spirito Santo, Lui è proprio l’armonia’ […]