Highslide for Wordpress Plugin
Home / Archivio tag: cristo

Archivio tag: cristo

Vangelo del giorno : 2017-04-26 – Commento di mercoledi’

Andate ed annunciate... ||| Nella prima lettura, continua il racconto degli Atti degli Apostoli. Si sapeva che se hanno trattato male il Maestro anche i discepoli subiranno castighi. Oggi gli Apostoli sono in prigione, ma la prigione non può trattenerli, come la tomba non ha potuto trattenere Gesù. L'Angelo del Signore apre le porte, li conduce fuori e dice loro: «Andate, e mettetevi a predicare al popolo nel tempio tutte queste parole di vita». La vita del Cristo risorto non può essere bloccata da nessuna minaccia umana, Dio è sempre il più forte, e nella vita di quelli che credono si manifesta in modo prodigioso. E si manifesta rendendo loro possibile testimoniare la risurrezione di Cristo. Infatti l'intervento miracoloso di Dio avviene per favorire la testimonianza: «Andate ad annunciare...». E gli Apostoli, che dovrebbero essere diffidenti, visto che sono stati appena arrestati e gettati in carcere, si mettono a insegnare già all'alba, senza curarsi delle minacce che pesano su di loro. Così manifestano la forza della risurrezione di Cristo. Attestano la luce, chiamano tutti alla conversione, ad accogliere la stessa vita nuova che in essi si manifesta grazie all'assistenza prodigiosa di Dio e alla loro risposta coraggiosa al dono divino. Il tempo di Pasqua deve mettere in noi lo slanci della riconoscenza verso Dio e lo slancio della fiducia piena di coraggio. Dio è intervenuto a nostro favore Dio interviene continuamente a nostro favore, purché noi aderiamo continuamente a Gesù risorto, che è li nostra speranza, la nostra vita, la novità di tutto il nostro essere. «Dio ha mandato il suo Figlio nel mondo perché i mondo si salvi per mezzo di lui: Chi crede in lui non è condannato»: è passato dalla morte alla vita, perché crede a Cristo risorto.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-04-17 – Commento di lunedi’

Testimoni illuminati dallo Spirito. ||| Gesù risorto appare ripetutamente a testimoni prescelti. La sua presenza, i segni che egli pone, il suo annuncio li conforta, li illumina, li convince definitivamente a credere per farli diventare poi sicuri e invincibili annunciatori della sua risurrezione. L'Apostolo Pietro doverosamente è il primo che ascoltiamo oggi. Con intrepido coraggio, dopo le penose passate esperienze, così parla del Risorto agli uomini d'Israele "Voi l'avete inchiodato sulla croce per mano di empi e l'avete ucciso. Ma Dio lo ha risuscitato, sciogliendolo dalle angosce della morte". Ma ecco altre preziose testimoni: Maria di Màgdala e l'altra Maria andarono a visitare il sepolcro. Alla loro presenza, "Vi fu un gran terremoto: un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. Il suo aspetto era come la folgore e il suo vestito bianco come la neve". "Abbandonato in fretta il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annunzio ai suoi discepoli". Comincia così l'ininterrotta catena di trasmissione del Kèrigma, la "corsa" per l'annuncio gridato al mondo del Cristo risorto, dell'adempimento del progetto divino di salvezza. Così la risurrezione entra nel vivo e nel cuore stesso della storia. Diventa la preziosissima eredità della Chiesa, che ha il compito di essere sale e lievito per l'intera umanità. Occorrono, ai nostri giorni, urgono, testimoni, coraggiosi, credibili e fedeli, che godendo di tutta la ricchezza meritata dal martire divino, sappiano con concretezza additare la via, far uscire i morti dai sepolcri, abbiano il coraggio di scendere anche negli abissi degli inferi per ricondurre a Dio i morti, i dispersi e gli sfiduciati. Così la gioia grande dei primi fortunati testimoni della risurrezione si diffonde ovunque e si pregusta e assapora già sulla terra, nella certezza che diventerà pienezza nel Regno di Dio. La speranza cristiana nasce a Pasqua: in Cristo risorto la promessa di Dio è diventata realtà. Questa è "la buona notizia della promessa fatta ai nostri padri e che Dio ha compiuto, risuscitando Gesù per noi". Nella Pasqua la certezza della nostra speranza trova il suo più sicuro ancoraggio e la sorgente della sua energia. Per questo, essa è rinuncia ad ogni sicurezza umana e completo abbandono al mistero dell'amore assoluto di Dio per noi. Cristo, nostra speranza, è risorto!

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-04-02 – Commento di domenica

Lazzaro, esci fuori. ||| Tra due domeniche sarà già la Pasqua di Resurrezione: contempleremo assieme Gesù che, dopo aver sofferto l’agonia e la morte in Croce per noi, risorgerà vittorioso al terzo giorno. E il Vangelo di questa domenica di Passione ci parla già di resurrezione: Gesù fa risorgere un uomo, Lazzaro; ed Lazzaro ci rappresenta tutti. Infatti è vero che siamo destinati a portare la croce di ogni giorno con le fragilità e gli acciacchi che il vivere umano comporta e che poi, alla fine, ci sarà anche la morte, ma poi il Signore ci farà risorgere con Lazzaro e tutti i santi. E sarà gioia piena, gioia per sempre! Sarà vita senza fine: una vita giovane, immortale, divina ed eterna in Paradiso. Ma la vita eterna è già qui: è viva e presente sulla terra in mezzo a noi, e dentro di noi. Chiunque infatti si decide a vivere con Gesù e in grazia di Dio già la gusta, l’assapòra, e la vive dentro sé stesso. Infatti il Cielo, il Regno di Dio, è già dentro di noi: è la presenza della Vita di Gesù dentro la nostra anima. Questa ricchezza di gioia interiore la perdiamo con il peccato perché esso ci porta la morte dentro, ci porta l’inferno dentro l’anima. Ma poi con il pentimento e con la Confessione ritorna subito la pace, ritorna la Luce, il Sole: è la Vita di Gesù Cristo Risorto dentro al nostro cuore. Quando l’uomo vive immerso nel peccato mortale è chiuso dentro se stesso come dentro ad una tomba di morte. Ma ecco che la Parola di Dio oggi ci dona speranza: “Ecco, Io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nella terra d’Israele (nella Chiesa). Riconoscerete che Io sono il Signore, o popolo mio. Farò entrare in voi il mio Spirito e rivivrete; vi farò riposare nella vostra terra. Saprete che Io sono il Signore. L’ho detto e lo farò!”. E San Paolo fa eco a questa Parola santa, che ci dona gioia e speranza certa: “Fratelli, quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio. Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. Ora, se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la Giustizia. E se lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, abita in voi, Colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi” (Rom 8. 8-11). Sì, è vero: c’è la risurrezione della carne, quella fisica, che verrà alla fine del mondo quando, Gesù Cristo Re, verrà a giudicare i vivi e i morti. Ma prima di allora c’è già la risurrezione spirituale dentro l’anima nostra, ed è quella che si ottiene, tramite la Grazia Battesimale, che si rinnova, volta per volta, tramite l’assoluzione dei nostri peccati nel Sacramento della Riconciliazione. E questa è la prima risurrezione! E noi la possiamo godere già adesso, se siamo uniti con fede e amore sincero a Gesù Cristo e se viviamo nella sua Grazia divina, ogni giorno. E così quando poi avverrà la risurrezione gloriosa del nostro corpo, alla fine del mondo, il nostro corpo mortale verrà spiritualizzato, divinizzato e reso immortale per sempre, e saremo giovani in eterno. Chi vive in Grazia di Dio è già vivo e risorto in Cristo. “Io sono la Risurrezione e la Vita; chi crede in Me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in Me, non morirà in eterno. Credi tu questo?”. Credi tu questo? Se hai questa fede nel cuore allora sei la persona più felice del mondo, altrimenti diventi triste e ti affossi sempre più dentro la tomba di te stesso, che manda cattivo odore. L’Evangelista San Giovanni ci dice un particolare, che è importante, e non ci deve sfuggire: Gesù, quando vide l’amico morto, si commosse profondamente e scoppiò in pianto. Dissero allora i giudei: “Guarda come lo amava!”. Oggi vediamo Gesù che piange davanti alla tomba di Lazzaro. Ma Egli piange davanti ad ogni tomba, e piange davanti ad ogni cuore chiuso, davanti al cuore “che non ha ancora assaporato l’amore di Dio”. E Gesù ancora piange, sconsolato, davanti ai tanti cuori chiusi, tristi, che sono sigillati come tombe al suo amore divino. Ma ecco che finalmente si fa sentire il grido appassionato del nostro Dio: è il grido dell’Amore che dona vita, il grido liberatorio di Gesù Cristo Dio: “Lazzaro, vieni fuori!!!”. Esci dalla tua tomba di morte, amico mio! Esci, fratello mio! Esci, sorella mia! Esci dalla tua tomba di morte! Gesù ti chiama, e ti ama.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-04-01 – Vangelo di sabato

Ger 11, 18-20; Sal.7; Gv 7, 40-53. ||| In quel tempo, all'udire le parole di Gesù, alcuni fra la gente dicevano: «Costui è davvero il profeta!». Altri dicevano: «Costui è il Cristo!». Altri invece dicevano: «Il Cristo viene forse dalla Galilea? Non dice la Scrittura: "Dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide, verrà il Cristo"?». E tra la gente nacque un dissenso riguardo a lui. Alcuni di loro volevano arrestarlo, ma nessuno mise le mani su di lui. Le guardie tornarono quindi dai capi dei sacerdoti e dai farisei e questi dissero loro: «Perché non lo avete condotto qui?». Risposero le guardie: «Mai un uomo ha parlato così!». Ma i farisei replicarono loro: «Vi siete lasciati ingannare anche voi? Ha forse creduto in lui qualcuno dei capi o dei farisei? Ma questa gente, che non conosce la Legge, è maledetta!». Allora Nicodèmo, che era andato precedentemente da Gesù, ed era uno di loro, disse: «La nostra Legge giudica forse un uomo prima di averlo ascoltato e di sapere ciò che fa?». Gli risposero: «Sei forse anche tu della Galilea? Studia, e vedrai che dalla Galilea non sorge profeta!». E ciascuno tornò a casa sua.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-03-31 – Commento di venerdi’

Egli mi ha mandato a fare la Sua volontà. ||| I cattivi giudei volevano uccidere Gesù, e già lo cercavano, ma Gesù se ne andava per la Galilea, infatti non voleva più percorrere la Giudea. Ma Egli è un Dio Misericordioso: è Colui che ha pietà di chi sbaglia, ed anche dei suoi persecutori. Ed allora, avvicinandosi la festa delle Capanne, Egli lascia la Galilea e va diretto a Gerusalemme: oggi diremmo: “Egli va in bocca ai lupi per farsi divorare!”. E andò proprio nel Tempio ad insegnare. E alcuni dicevano: “Ma non è Costui quello che cercano di uccidere? Ecco Egli parla apertamente, eppure non gli dicono nulla. I capi hanno forse riconosciuto davvero che Egli è il Cristo? Ma Costui sappiamo di dov’è; il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia (vi ricordate il dialogo dei farisei con il Cieco nato del vangelo della domenica scorsa?). Gesù allora, mentre insegnava nel Tempio, esclamo: “Certo voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure non sono venuto da Me stesso, ma Chi mi ha mandato è Veritiero, e voi purtroppo non Lo conoscete: Io Lo conosco, perché vengo da Lui, ed Egli mi ha mandato”. Cercavano allora di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettere le mani su di Lui, perché non era ancora giunta la sua ora. E così sarà per noi: nessuno ci potrà far del male, finché non sarà giunta la nostra ora di prova e di crocifissione redentiva. Ma quando essa sarà arrivata, siamo pronti, prendiamola prontamente per amor di Dio, così completeremo in noi quello che manca alla Passione di Cristo, come ci scrive appunto San Paolo. E la Vergine Addolorata sarà sempre accanto a noi, proprio come è stata sotto la Croce di Gesù.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-02-22 – Commento di mercoledi’

La confessione di Pietro e il mandato di Cristo. ||| La liturgia della festa di oggi ci invita a celebrare contemporaneamente la fede di Pietro, la sua confessione della divinità di Cristo, il mandato che lo stesso Signore gli ha affidato di essere il nocchiero della nave della Chiesa e la continuità di quel mandato nella persona dei suoi successori. È quindi una festa che coinvolge tutta la Chiesa, il capo che è Cristo, colui che lo rappresenta in terra, il Romano Pontefice, e tutte le membra della sua Chiesa. Le chiavi del regno, affidate a Pietro, ora sono diventate sacramento universale di salvezza per tutto il genere umano. Cristo è il capo, la fede e la testimonianza del primo degli apostoli, la sua triplice dichiarazione di amore, gli offrono l'occasione di dichiarare una esplicita volontà divina per quella scelta, per quella missione e per quella responsabilità. «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simòn Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Così l'umile pescatore della Galilea diventava, per volontà divina, il principe degli apostoli. Così, annesso al mandato, veniva dichiarata una inviolabilità della Chiesa, fondata sulla roccia, che è Cristo e su Pietro, confermato nella fede. Ci ha voluto dare anche una garanzia di vittoria «sulle porte degli inferi», sul male e sui nemici della Chiesa. Da quella Càttedra, segno episcopale, dove siede il Vicario di Cristo, attendiamo la verità della dottrina e una guida sicura.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-02-16 – Commento di giovedi’

Tu sei il Cristo. ||| Pietro è il discepolo che dà soddisfazione piena alla domanda del maestro, ma in un breve tempo egli diventa il protagonista di una tra le più eloquenti testimonianze in favore del Cristo e, di lì a poco, meritevole di uno dei rimproveri più acerbi che il Maestro abbia mai rivolto a una persona umana: "Tu sei il Cristo, il figlio del Dio vivente" e "Allontànati da me, satana!". La motivazione è che, intervenendo contro l'annuncio di una inaspettata, tragica conclusione della vita terrena del Cristo, Pietro si oppone ai disegni di Dio, che prevedono non solo la morte in croce, ma la gloriosa risurrezione. È in fondo la stessa tesi di Satana al momento della tentazione di Cristo: sperare in un Messia meramente terreno. La presunzione di Pietro di interferire negli arcani disegni divini è ricorrente anche nella nostra vita di credenti: quante volte ci capita di contestare Dio o di non accettare le sue proposte o ancora di pretendere di capirle con la nostra povera logica umana!? Solo la fede e l'amore possono condurci a nutrire fiducia piena ed incondizionata nei confronti di Dio.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-02-10 – Commento di venerdi’

Ha fatto bene ogni cosa. ||| Chiunque incontra Cristo con fede diventa nuova creatura e, illuminato e salvato, non può fare altro che narrare quanto per lui il Signore ha fatto. È il caso del sordomuto del vangelo di oggi e dovrebbe essere il caso di ognuno di noi, battezzati e toccati nel nostro Battesimo alle orecchi e alle labbra. Ma noi lo abbiamo dimenticato o lo dimentichiamo spesso. Esortiamoci a riconoscere le cose che il Signore opera in noi e diventiamone annunciatori. Il motivo che ci fa dimenticare i grandi benefici di Dio in nostro favore lo troviamo nella prima lettura: è il diavolo che per invidia spinge Adamo ed Eva ma in conseguenza anche noi, giacché sa fare bene il suo mestiere, il tentatore... Diventiamo sempre più uomini di Dio, facciamo attenzione a non essere come bestie di fronte a Dio, bestie che non riconoscono i benefici che riceviamo per grazia di Dio.

Leggi altro

Vangelo del giorno : 2017-02-05 – Commento di domenica

Voi siete il sale della terra... siete la luce del mondo! ||| Nella celebrazione del nostro Battesimo la Chiesa ci ha fatto dono anche di un cero acceso, che poi i nostri genitori hanno portato a casa come ricordo: è segno visibile della Luce di Cristo, Vivo e Risorto, e segno della sua Luce pasquale, che è Luce che illumina il mondo e ogni uomo sulla terra. Gesù infatti, morendo in Croce per noi e risorgendo, ci ha salvato e ci ha illuminato a tutti con la Luce del suo fulgore eterno. E chi cammina con Lui, per la lunga strada della vita terrena, camminerà nella Luce, verrà illuminato, e sempre di più, da Lui, dal suo Amore ardente e illuminante; ma chi spegne la fede in Lui, spegne anche il fuoco dell'amore e cammina con il mondo gelido dentro l'anima, senza amore, senza calore; e cammina anche nella tenebra esteriore: senza pace, senza speranza. Ricordo che mia madre mi disse un giorno che, quando sono stato battezzato, il sacerdote mi mise in bocca anche un granello di sale... Allora si usava così! Era segno visibile che Cristo è Sapienza eterna del Padre. E ogni cristiano, nel giorno del suo battesimo, viene tutto ben insaporito della Sapienza di Dio e sempre più unito a Gesù Cristo. E chi poi sta e rimane liberamente con Lui diventerà anche sempre più sapiente della Sapienza vera: avrà sempre più il sapore di Dio, del suo divino Amore. Ma chi si allontanerà dalla Fonte viva della Sapienza eterna, diverrà ogni giorno più scuro, orgoglioso, annoiato anche di se stesso, diverrà sempre più carnale, mondano, una persona vuota, insignificante e insipiente. Infatti oggi Gesù ci dice: "Se il sale perde il sapore con che cosa lo si renderà salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente". Fratelli, rimaniamo fedeli al nostro Battesimo! E magari confessandoci spesso per rinnovare la meravigliosa grazia battesimale in noi, nel nostro cuore, e vedrete che saremo sempre più pieni della Luce di Dio, di Cristo, che è "la Luce del mondo". E presto risplenderemo come fari accesi in mezzo agli altri fratelli e sorelle che incontriamo ogni giorno sul nostro cammino. E, tramite noi poi, la Luce di Cristo e del suo Vangelo si irraggerà dappertutto, e sempre di più, all'intorno, portando speranza, amore, pace e gioia a tutti, e anche i loro cuori si accenderanno sempre più della Luce e dell'Amore di Dio, che illuminerà anche altri fratelli della Luce vera, quella che è: Gesù Cristo, che è Via, Verità e Vita nostra. E allora verrà la civiltà dell'amore, sarà il Regno di Dio sulla terra anche il trionfo del Cuore Immacolato di Maria in noi, in tutti! Pace e gioia!

Leggi altro