Highslide for Wordpress Plugin
Home / Blog / Preghiera dei fidanzati
MEDION DIGITAL CAMERA

Preghiera dei fidanzati

Immagine coppiaPreghiera dei fidanzati

Caro san Gabriele, sentiamo il bisogno di affidare alla tua protezione la gioia e la festa del nostro amore, perché tu ci comprendi e puoi ottenerci da Dio le grazie necessarie in questo periodo importante della nostra crescita.
Il nostro amore è un dono grande, affidato alla nostra responsabilità. Aiutaci a viverlo secondo il progetto di Dio, perché solo realizzando la sua volontà possiamo realizzare noi stessi.
Abbiamo bisogno di comprenderci e di accettarci, di rispettare i doni che Dio ha dato a ciascuno e di prepararci nella libertà ad essere dono scambievole. Sentiamo che questo è un cammino difficile, insidiato dall’egoismo e dalla debolezza. Aiutaci a non restare abbagliati dagli aspetti superficiali del nostro rapporto, ma a costruirlo lealmente fino alla maturità.
Fa’ che la comunione sperimentata tra di noi ci sia di spinta ad impegnarci con gli altri e per gli altri nella famiglia, nella parrocchia, nell’ambiente di lavoro e tra i più bisognosi della società.
Aiutaci a comprendere il dono e la missione del matrimonio cristiano, che è non solo di amarci con verità ma di essere segno dell’amore tra Cristo e la Chiesa. Il nostro fidanzamento ci prepari a testimoniare le ricchezze del sacramento che riceveremo col nostro sì sull’altare.
Amen.

Ti potrebbe interessare anche:

Info autore: Raffaele De Fulvio

Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Ti potrebbe interessare:

Vangelo del giorno : 2018-04-24 – Vangelo di martedi’

At 11, 19-26; Sal.86; Gv 10, 22-30. ||| Ricorreva, in quei giorni, a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era inverno. Gesù camminava nel tempio, nel portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando ci terrai nell'incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». Gesù rispose loro: «Ve l'ho detto, e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me. Ma voi non credete perché non fate parte delle mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».