Highslide for Wordpress Plugin
Home / Blog / Preghiera dei fanciulli
MEDION DIGITAL CAMERA

Preghiera dei fanciulli

Gabriele e MariaPreghiera dei fanciulli

Caro san Gabriele, ascolta la preghiera che ti rivolgiamo con fiducia. Ottienici la grazia di crescere come vuole Gesù e di amarlo sopra ogni cosa. Fa’ che sappiamo ascoltare gli insegnamenti dei genitori e dei maestri, e seguire le voci che il Signore ci fa sentire nel cuore.
Tu sai quanto ci piace giocare. Fa’ che nel gioco impariamo a comprenderci e ad aiutarci ed evitiamo le offese e le parole scorrette. Fa’ che tra noi non ci siano compagni cattivi ma solo buoni e rispettosi. Insegnaci l’amore allo studio, la diligenza nei compiti, la fedeltà al catechismo e alle preghiere, la lealtà nei rapporti tra di noi e con i grandi.
Tu che fosti devoto della Madonna, ottienici la sua protezione materna. Tu che sei potente davanti a Dio perché l’hai sempre amato, ottienici di fare ogni giorno la sua volontà.
Amen.

Ti potrebbe interessare anche:

Info autore: Raffaele De Fulvio

Dal 18 ottobre è Superiore della comunità Passionista, vive a Bari e dal 1 novembre 2015 è Parroco della Parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata in Bari.

Ti potrebbe interessare:

Vangelo del giorno : 2018-04-24 – Vangelo di martedi’

At 11, 19-26; Sal.86; Gv 10, 22-30. ||| Ricorreva, in quei giorni, a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era inverno. Gesù camminava nel tempio, nel portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando ci terrai nell'incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». Gesù rispose loro: «Ve l'ho detto, e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me. Ma voi non credete perché non fate parte delle mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».