Highslide for Wordpress Plugin
Home / Blog / Consacrazione quotidiana a Gesù Crocifisso

Consacrazione quotidiana a Gesù Crocifisso

gesu crocifissoO Gesù, mio Dio e mio Salvatore, che nella infinita tua bontà hai voluto farti uomo e morire sulla croce per salvarmi, in te credo, in te spero e te voglio amare.

A te dono e consacro la mia persona e tutto ciò che mi appartiene.

Mi offro a te, in spirito di volontaria penitenza, impegnandomi nella pratica della rinuncia e del sacrificio volontario, per la tua gloria e per la salvezza dell’anima mia.

Mi impegnerò a vivere il tuo Vangelo nei pensieri, nelle parole e nelle opere e testimoniarlo nelle condizioni e nelle realtà in cui tu mi poni; voglio usare la mia povera vita come strumento di santificazione per l’avvento del tuo regno nel mondo.

Voglio con la preghiera e la rinuncia, completare in me ciò che manca alla tua Passione, a vantaggio del tuo Corpo che è la Chiesa.

Amen

Ti potrebbe interessare anche:

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Vangelo del giorno : 2017-12-10 – Vangelo di domenica

Is 40, 1-5.9-11; Sal.84; 2 Pt 3, 8-14; Mc 1, 1-8. ||| Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».